In questa pagina riepiloghiamo alcuni dei movimenti fondamentali usati durante un gioco di capoeira.

Inutile dire che il miglior modo per imparare a giocare la Capoeira è quello di partecipare dal vivo alle lezioni di un Mestre o Professore.

Solo durante un allenamento si può apprendere la vera arte del Gioco.

La Capoeira richiede partecipazione e disciplina e molti dei colpi vanno praticati in luoghi sicuri insieme a persone esperte che possono correggere la nostra attitudine sbagliata in tempo utile.

Riportiamo qui una serie di colpi fondamentali che hanno contribuito all’evoluzione del gioco in decenni di pratic all’interno dei gruppi di Capoeira di tutto il mondo.

Molti identificano i movimenti in due tipologie principali, di linea e rotatori, ma in generale i colpi di Capoeira possono essere divisi in:

  • traumatizzanti
  • e disequilibranti.

In Brasile è molto normale chiamare uno stesso colpo di Capoeira in modi diversi a seconda della regione in cui la si pratica o addirittura identificare con lo stesso nome colpi differenti.

Colpi Traumatizzanti

Sono colpi offensivi che possono causare danni all’avversario.

Nella Capoeira, durante un gioco o una roda, non vengono impiegati per far male all’avversario ma per incentivarlo a schivare.

  • Armada: Si esegue in piedi, tramite un movimento rotatorio. Un piede resta per terra mentre l’altro gira orizzontalmente cercando di colpire con la parte esterna del piede l’avversario.
  • Godeme: colpo eseguito con la mano chiusa verso la bocca o il naso dell’avversario.
  • Cotovelada: colpo eseguito con il gomito in qualsiasi parte dell’avversario.
  • Forquilha: si esegue infilando una o più dita negli occhi dell’avversario.
  • Galopante: colpo eseguito con la mano chiusa verso l’orecchio dell’avversario.
  • Martelo: si esegue in piedi, la gamba posteriore, sale lateralmente in modo piegato fino ad allungarsi verso l’avversario.
  • Meia-lua de compasso: è una variazione del rabo-de-arraia. Si esegue con una o due mani al suolo e applicando un movimento rotatorio alla gamba che con il tallone accompagna il senso del giro.
  • Meia-lua de frente: si esegue in piedi con la gamba posteriore che esegue un movimento rotatorio frontale dall’esterno verso l’interno del corpo. La gamba esegue una traiettoria di una mezza luna. Si cerca di colpire l’avversario con la parte interna del piede.
  • Queixada: si esegue in piedi con la gamba posteriore che esegue un movimento rotatorio frontale dall’interno verso l’esterno del corpo. Si cerca di colpire l’avversario con la parte esterna del piede.
  • Chibata: salto mortale eseguito in avanti in cui si cerca di colpire l’avversario con uno o tutti e due i talloni. Può essere eseguito anche le mani al suolo.
  • Vôo do morcego ou voadora: si esegue un salto in cui si allungano le due gambe verso il petto dell’avversario cercando di buttarlo per terra e colpendolo con entrambi i piedi.

Altri colpi traumatizzanti:

  • Chapa.
  • Arpão.
  • Escorão.
  • Esporão.
  • Gancho.
  • Ponteira.
  • Corta Grama.
  • Rabo-de-arraia.

Colpi Disequilibranti

Sono movimenti usati per far cadere o far perdere l’equilibrio all’avversario durante il Gioco di Capoeira.

  • Abertura: Si esegue infilando le gambe in mezzo a quelle dell’avversario aprendole con forza in modo da fargli perdere l’equilibrio.
  • Arrastão da negativa: si esegue una negativa in modo da mandare il piede della gamba tesa dietro a quello dell’avversario. Si deve cercare di trascinare il piede dell’avversario verso il proprio corpo provocandone la caduta.
  • Bênção: in piedi con la ginga si tende la gamba posteriore in modo teso verso l’avversario colpendolo con la pianta del piede e spingendolo per terra.
  • Boca de calça: si tirano le gambe dell’avversario con le mani verso il proprio corpo in modo da farlo cadere all’indietro. Ci si può aiutare anche spingendolo con una cabeçada.
  • Cabeçada: può essere un colpo traumatizzante se eseguito con forza. Si esegue dando una capocciata sul corpo dell’avversario.
  • Gancho: usando la propria gamba come un gancio, si tira la gamba dell’avversario fino a farlo cadere all’indietro. Si può eseguire in piedi o con una mano per terra.
  • Rasteira: si esegue in piede o generalmente abbassati. Consiste nel far girare il proprio corpo con una gamba allungata verso l’avversario fino a intercettarne le gambe e a farlo cadere.
  • Tesoura: ci sono varie forme di applicarla. Consiste nel chiudere l’avversario in mezzo alle gambe facendolo cadere girando il proprio corpo.
  • Tombo da ladeira: consiste nel far cadere l’avversario mentre applica un colpo con un salto o esegue acrobazie in aria. Si cerca di farlo scivolare tramite uno sgambetto.
  • Vingativa: ci si avvicina rapidamente all’avversario collocandosi di lato a lui e con una delle gambe dietro alle sue in modo da poter far forza e spingerlo con una gomitata all’indietro.

Movimenti di Schiva

Sono movimenti usati per schivare l’attacco dell’avversario durante il Gioco di Capoeira.

  • Negativa: è un movimento di schiva che si esegue abbassandosi al suolo in modo radente. Una delle due gambe si estende mentre l’altra si piega per deviare l’avversario.
  • Rolê: il corpo gira nel senso di schiva dell’avversario. Le mani devono poggiare al suolo mentre le gambe girano mostrando la schiena all’avversario.
  • Cocorinha: consiste nello schivare colpi circolari a breve distanza. Ci si abbassa al suolo piegando le gambe e con una mano a terra ci si mantiene in equilibrio mentre l’altra protegge il volte in direzione opposta al colpo dell’avversario.
  • Queda de quatro: Simile alla cocorinha con la differenza che tutte e duie le mani toccano il suolo e il corpo è leggermente posto all’indietro.
  • Esquiva: nella esquiva ci si abbassa leggermente di lato portando una mano a proteggere il volto dal colpo dell’avversario mentre l’altra va verso il basso.

Movimenti di Gioco

Sono movimenti usati nella Capoeira e che sono alla base del Gioco.

  • Ginga: è il movimento base della Capoeira. Consiste in un movimento ripetitivo e ondulatorio con la mano destra che si porta davanti mentre la gamba sinistra va indietro. Successivamente si ripete in modo analogo con la mano sinistra e la gamba destra. L’esecuzione avviene in modo sincronizzato con il ritmo del Berimbau. Tale movimento va combinato con tutti gli altri durante il Gioco. Come un bambino che impara a camminare, il Capoeirista deve apprendere la ginga.
  • : è un movimento che serve a spostarsi dal gioco dell’avversario. Si usa generalmente per uscire da attacchi come la rasteira. Prende anche il nome di estrela.
  • Passo-à-dois: è un movimento ritualizzato tipico della capoeira Angola, che si effettua subito dopo una chamada. I due giocatori, una volta venuti in contatto tra loro, fanno insieme tre passi in avanti, poi tre passi indietro e così via, finché il capoeirista che ha effettuato la chamada fa segno all’altro di ricominciare il Gioco.
  • Volta ao mundo: è un percorso camminato all’interno della roda (spesso in senso antiorario) usato quando un nuovo giocatore vuole inserirsi nel Gioco al posto di un altro, oppure quando uno dei due giocatori vuole interrompere per qualche motivo il Gioco. In questo secondo caso l’altro giocatore lo accompagna, aspettando la sua iniziativa: o un calcio improvviso o un invito a ritornare ai piedi del berimbau per cominciare di nuovo.

Aspetti importanti

Molte sono le caratteristiche e gli aspetti che influiscono a formare un buon Capoeirista. Questi quelli più rappresentativi:

  • Malandragem: è simile alla malizia e evidenzia la furbizia del giocatore ma soprattutto l’attitudine a mettere in difficoltà l’avversario attraverso trucchi e finte. Deriva dalla parola malandro che significa furfante e oltre all’inganno mette in evidenza la capacità di anticipare i movimenti dell’avversario con adeguati contrattacchi. E’ una componente essenziale della capoeira.
  • Mandinga: chi la pratica viene chiamato con il soprannome di mandingueiro. E’ un arte magica che implica la profonda conoscenza delle forze della natura. La sua origine è molto antica.

I nostri Video

Nella sezione Video Tutorial, trovate  i video di alcuni movimenti spiegati dal nostro Professor Bebeto del Gruppo di Capoeira Karkara Roma.

Vi mostriamo il primo della Ginga e Esquiva.

 

Come sempre vi chiediamo di lasciarci un vostro parere nella sezione commenti qui sotto e di seguirci su Facebook, Youtube, Vimeo e gli altri social che sono linkati a questa pagina. Axè!